>> Assicurazioni Banche Online Borsa e Mercati Carte di Credito Investimenti Mutui Bancari Prestiti Personali Risparmio >>
,

Home Page + Prestiti + Prestiti Inpdap : Tutto sui prestiti inpdap anche su internet.

Mappa del sito

PRESTITI INPDAP

L'INPDAP
Con il Decreto Legislativo n. 479 del 30 giugno 1994 è stato istituito l'Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell'Amministrazione Pubblica detto I.N.P.D.A.P., nel quale confluiscono l'ENPAS, l'INADEL, l'ENPDEP e le Casse pensionistiche gestite dagli Istituti di Previdenza del Ministero del Tesoro.
L'Inpdap costituisce il principale ente previdenziale per i dipendenti pubblici e gestisce i trattamenti previdenziali pensionistici e di fine rapporto, creditizi tipo prestiti e mutui e anche sociali dei tutti i  dipendenti iscritti all'Istituto.

PRESTITI INPDAP
L’Inpdap periodicamente, sulla base delle risultanze di bilancio, propone prestiti a condizioni agevolate, destinati agli iscritti, ai pensionati o ai loro familiari. Il prestito può essere erogato o direttamente dall’Inpdap o indirettamente, tramite delle convenzioni stipulate con banche o finanziarie.
Ovviamente non c'è alcun obbligo da parte di questo ente ad emettere prestiti, pertanto i fondi risultanti dal bilancio e destinati ai prestiti succede che vengono messi a disposizione ma a volte non sono sufficienti a soddisfare tutte le richieste. I destinatari di questi prestiti erogati direttamente dall’Inpdap sono quindi i dipendenti pubblici in servizio, iscritti alla Gestione Unitaria per il Credito. Gli iscritti, dipendenti o pensionati che non hanno i requisiti necessari per accedere alle normali condizioni dei prestiti diretti, potranno ricorrere ai prestiti cosiddetti in convenzione.
L’Inpdap offre, perciò, tre tipologie di prestiti:
1) Piccolo prestito: possono richiedere la prestazione tutti i dipendenti iscritti alla gestione unitaria prestazioni creditizi e sociali che siano in attività di servizio, versino il contributo obbligatorio dello 0,35%. Il piccolo prestito può essere richiesto in misura semplice o doppia (una o due mensilità per gli annuali, da due a quattro per i biennali, da tre a sei per i triennali e da quattro a otto per quelli quadriennali). Non è richiesta nessuna documentazione da allegare alla domanda di piccolo prestito. E' possibile estinguere anticipatamente il piccolo prestito concesso mediante versamento del debito residuo, al netto della quota parte del fondo rischi non maturata.
2) Prestito pluriennale: Le domande di prestiti pluriennali diretti (quinquennali o decennali) e delle sovvenzioni (che di seguito, per comodità, saranno inglobate nella locuzione "prestiti pluriennali") sono presentate per il tramite dell'Amministrazione di appartenenza. Esse, sempre ché il richiedente non abbia in corso di definizione altra istanza di prestito, verranno prese in esame ed istruite per la conseguente erogazione ove risulteranno conformi ai criteri sotto elencati ed alla documentazione relativa, fermo restando il contenimento delle domande medesime entro le disponibilità finanziarie fissate annualmente in bilancio per l'attività creditizia. La documentazione da allegare alla domanda:
a) stato di famiglia o dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà resa ai sensi della legge 4/1/68, n. 15 e successive modificazioni ed integrazioni;
b) adeguata certificazione pubblica e dichiarazioni o ricevute attestanti un notevole impegno di spesa sostenuta o da sostenere;
c) documento pubblico o dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà che attesti una particolare situazione familiare o giustificativa della motivazione addotta.
3) Prestito pluriennale garantito: possono richiedere prestiti garantiti - da estinguersi con trattenute mensili sullo stipendio fino al quinto della retribuzione mensile, al netto delle ritenute di legge - gli iscritti alla "Gestione unitaria per le prestazioni creditizie e sociali". Sono previsti i seguenti requisiti:
essere in attività di servizio;
avere almeno quattro anni di servizio effettivo nel rapporto di impiego utili a pensione (due se invalidi o mutilati di guerra o decorati al valor militare).
La durata del prestito può essere quinquennale, da restituire in 60 rate, o decennale, da restituire in 120 rate, salvo che al richiedente rimanga un periodo più breve di servizio per conseguire il diritto al collocamento a riposo.
È consentita l'estinzione anticipata in qualsiasi momento mediante versamento del debito residuo. Al richiedente verrà restituita la quota del fondo rischi relativa al periodo di anticipata estinzione.


COMPAGNIE DI PRESTITI PERSONALI
Agos - Citifinancial  - Credial - Finatel - Findomestic - Fiditalia - Prometeo - Prestitò


Copyright © Mondobusiness.net 2008 Business | Tutti i diritti riservati.